Adempimenti fiscali: quali sono e cosa sono

di francesco Di Maso
4 Apr, 2024
Tempo di lettura
( parole )

Conserva ora questo articolo!

Inserisci qui sotto il tuo nome e la tua email. Riceverai subito un'email, con un link per rileggere l’articolo tutte le volte che vuoi.

    Gli adempimenti fiscali sono obblighi di natura tributaria che ogni contribuente, persona fisica e giuridica, deve rispettare nei confronti dell’Amministrazione Finanziaria. Sono strumenti essenziali per garantire il corretto funzionamento del sistema fiscale italiano e promuovere una concorrenza leale tra le imprese. Il rispetto degli adempimenti è uno dei compiti più importanti per le imprese per evitare sanzioni e conflitti con il Fisco italiano. Pertanto, è indispensabile essere sempre aggiornati e affiancati dai migliori professionisti.

    Adempimento fiscale: cos’è

    Gli adempimenti fiscali sono una serie di obblighi che ogni impresa o persona fisica deve rispettare nei confronti del Fisco italiano. Si tratta di dichiarazioni, pagamenti e documentazioni da conservare.

    L’obiettivo dell’adempimento è quello di:

    • Garantire entrate statali per finanziare i servizi pubblici e le infrastrutture. Il pagamento delle imposte, ad esempio, contribuisce al buon funzionamento di tutto l’apparato della spesa pubblica italiana. Senza il prelievo fiscale, la spesa pubblica non potrebbe essere garantita a dovere (e non sempre ci riesce).
    • Monitorare tutti i movimenti di denaro per evitare ogni possibile fenomeno di frode. Il monitoraggio è molto importante per contrastare l’economia sommersa, tutelare i consumatori da prodotti non sicuri e garantire piena concorrenza sul mercato.
    • Garantire piena equità contributiva del contribuente. Il sistema fiscale italiano è caratterizzato dalla cosiddetta “capacità contributiva”, la quale stabilisce che, ogni contribuente, deve partecipare al bilancio statale in misura proporzionata al proprio reddito. Gli adempimenti fiscali, servono per stabilire quanto un’impresa deve pagare e contribuire alla spesa pubblica.

    Il mancato rispetto di ogni obbligo fiscale è punibile con sanzioni. L’obbligo di soddisfare un determinato adempimento, infatti, possiamo definirlo non solo come un dovere civico ma anche un elemento importante per il funzionamento di tutto il sistema economico, finanziario e tributario del nostro Paese. 

    Quanti sono gli adempimenti fiscali

    Gli adempimenti a carico dei contribuenti italiani sono tanti. Che si tratti di imprese, professionisti o persone fisiche, districarsi tra i vari meandri burocratici del sistema tributario è veramente complesso.

    I principali adempimenti fiscali per le imprese li possiamo suddividere in tre macro aree:

    • dichiarazioni (redditi, Irap, Iva);
    • versamenti (Iva o altre imposte);
    • fatturazione, contabilità e conservazione.

    Vediamoli meglio nei dettagli.

    Dichiarazione dei redditi persone fisiche e giuridiche

    La dichiarazione dei redditi si suddivide in due categorie, a seconda del tipo di reddito e della natura della persona:

    • Modello 730
    • Modello Redditi.

    Il Modello 730 si utilizza per l’invio della dichiarazione dei redditi da parte delle persone fisiche.

    Il Modello Redditi si utilizza per l’invio della dichiarazione dei redditi da parte delle società di capitali (Modello Redditi SC), delle persone fisiche (Modello Redditi PF) e delle società di persona (Modello Redditi SP). Permette di

    • Dichiarare i redditi derivanti da diverse categorie: lavoro dipendente, lavoro autonomo, redditi da capitale, redditi da immobili, plusvalenze da cessione di fabbricati e terreni, redditi esteri.
    • Calcolare le imposte dovute: Irpef (persone fisiche) e Ires (persone giuridiche).
    • Presentare richieste di detrazioni, deduzioni e crediti d’imposta.
    • Effettuare pagamenti o compensazioni di imposte.

    A differenza del Modello 730, nel Modello Redditi i versamenti delle imposte sono fatti direttamente dal contraente attraverso il modello F24 trasmesso telematicamente.

    Il compito della dichiarazione dei redditi è quello di determinare il reddito imponibile, sul quale poi vanno calcolate le imposte (Irpef o Ires). La scadenza ordinaria è fissata al 30 settembre dell’anno successivo a quello di riferimento. Quindi, la dichiarazione dei redditi relativa al 2023 va presentata entro il 30 settembre 2024.

    Dichiarazione Iva

    La dichiarazione Iva è una comunicazione con la quale le imprese comunicano all’Agenzia delle Entrate le operazioni attive e passive, effettuate durante l’anno, che hanno un impatto sull’Iva.

    Soggetti obbligati:

    • Contribuenti esercenti attività d’impresa (in qualsiasi forma giuridica) o attività artistiche o professionali (anche in forma associata) titolari di partita Iva.
    • Agricoltori esonerati e esercenti attività di intrattenimento che in precedenza abbiano optato per l’applicazione dell’IVA in modo ordinario.

    Soggetti esonerati:

    • Contribuenti che per l’anno d’imposta hanno registrato esclusivamente operazioni esenti.
    • Contribuenti forfetari e minimi.

    Dichiarazione Irap

    La dichiarazione Irap si utilizza per dichiarare l’Imposta Regionale sulle Attività Produttive (Irap). L’imposta si basa sull’esercizio abituale, nel territorio regionale, di attività organizzate autonomamente per produrre, scambiare beni o fornire servizi. 

    Soggetti obbligati:

    • Società di persone (Società Semplici, SNC e SAS).
    • Società di capitali (SRL, SPA e SAPA).
    • Enti privati diversi dalle società e i trust che non hanno per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciali.

    Soggetti esonerati:

    • Persone fisiche esercenti attività commerciali (ditte individuali).
    • Esercenti attività di lavoro autonomo (liberi professionisti).
    • Contribuenti in regime forfettario e di vantaggio.

    Pagamenti

    Oltre alle dichiarazioni, abbiamo la nota dolente per gli imprenditori: i pagamenti. I principali pagamenti da fare sono:

    • Versamenti periodici dell’Iva: generalmente mensili o trimestrali.
    • Saldo dell’imposta di fine anno: per la differenza tra l’Iva dovuta e l’Iva a credito.
    • Versamenti imposte redditi: Irpef e Ires.
    • Versamenti altri imposte: Irap, imposte locali, ritenute alla fonte e Inps.

    Adempimenti fiscali e fatturazione

    Infine, tra i vari adempimenti, abbiamo quelli relativi alla documentazione da conservare e alla contabilità. In particolare:

    • Registrazione delle fatture emesse e ricevute: per tenere traccia delle operazioni effettuate.
    • Conservazione dei documenti fiscali: per un periodo di tempo stabilito dalla legge.

    Questi sono gli obblighi principali, più o meno comuni a tutte le imprese. Oltre a questi adempimenti principali, le imprese possono essere tenute a ottemperare ad altri obblighi specifici, in base al loro settore di attività, regime fiscale adottato e dimensione.

    Le tasse oltre gli adempimenti

    Gli adempimenti fiscali possono anche rappresentare un onere per le imprese, in termini di costi e di adempimenti burocratici. Il rispetto delle regole fiscali, però, consente di beneficiare di un sistema economico più stabile, trasparente e competitivo.

    Il complesso scenario normativo e la diversi soggetti, persona fisica o giuridica, su cui ricadono obblighi fiscali, hanno reso gli adempimenti fiscali un sistema abbastanza ingarbugliato.

    Pertanto, diventa essenziale affidarsi a professionisti esperti e sempre aggiornati.

    In primis per rispettare tutti gli obblighi fiscali e, poi, per avviare un processo di pianificazione fiscale strategico finalizzato alla riduzione delle tasse.

    Come Soluzione Tasse, grazie al nostro team di 35 professionisti, tra cui Dottori Commercialisti, Avvocati e Tributaristi, possiamo aiutarti a:

    • attuare una pianificazione fiscale strategica per ridurre il carico fiscale dal 20% al 70%;
    • tutelare il patrimonio aziendale per mettere la propria ricchezza al riparo dai possibili creditori (che possono essere Fornitori, Banche e soprattutto Fisco);
    • ottenere una crescita esponenziale, attraverso gli stessi strumenti che abbiamo usato per creare da zero e in soli 5 anni, un gruppo aziendale che fattura oltre 25 milioni e che abbiamo quotato alla borsa di Milano.

    Compila ora il questionario: 2 minuti del tuo tempo possono cambiare per sempre il tuo futuro fiscale, della tua impresa e della tua famiglia.

    Richiedi la tua prima consulenza gratuita

    Condivi l'articolo