PMI

Capitale sociale minimo SRL: quali sono i limiti

di Redazione Soluzione Tasse
26 Gen, 2024
Tempo di lettura
( parole )

Conserva ora questo articolo!

Inserisci qui sotto il tuo nome e la tua email. Riceverai subito un'email, con un link per rileggere l’articolo tutte le volte che vuoi.

    Il capitale sociale è caratterizzato da tutte le risorse che i soci conferiscono per avviare l’attività aziendale. Può essere versato al momento della costituzione della società, oppure in un momento successivo e deve rispettare alcuni limiti normativi. Vediamo quali sono.

    Capitale sociale SRL: cosa si intende

    Il capitale sociale è la somma di tutto ciò che i soci conferiscono all’azienda nel momento in cui si costituisce una srl. Può comprendere sia denaro che beni, siano essi materiali o immateriali, apportati dagli stessi soci all’azienda e viene registrato nel passivo dello stato patrimoniale come un debito verso i soci

    La somma conferita – in denaro o in beni – viene poi suddivisa in quote. Queste, poi, vengono assegnate ai soci in proporzione a quanto versato da ciascuno. Rappresenta, così, il valore totale delle quote di partecipazione soci.

    Il capitale di una srl non può essere utilizzato poiché rappresenta una sorta di garanzia per la società e per i creditori dell’azienda. Infatti, i creditori possono sempre rifarsi sul patrimonio sociale per soddisfare i crediti nei confronti della società. 

    Inoltre, influisce sull’accesso ai prestiti esterni. Un capitale sociale più alto indica stabilità finanziaria, migliorando la possibilità di ottenere finanziamenti per l’azienda.

    Capitale minimo SRL: qual è

    Il capitale sociale minimo per costituire una srl, in passato, era pari a 10.000 euro. Una limite, non applicabile alla srls (necessario versare un capitale sociale iniziale di 1 euro) e la srl a capitale ridotto (ormai abrogata).

    Il limite, nel tempo, è stato rimosso per favorire l’imprenditoria. Oggi, infatti, con la legge 9 agosto 2013 n. 99 il capitale sociale minimo per la costituzione di una srl è pari a 1 euro.

    Leggi anche: Quanto costa aprire una srl? Tutto quello che c’è da sapere su costi e vantaggi

    La possibilità di poter costituire la srl con solo 1 euro, affiancata dalla possibilità di limitare la responsabilità dei soci (nessun creditore può farsi valere sul proprio patrimonio personale) rendono questa tipologia societaria una delle più utilizzate per fare business.

    Richiedi la tua prima consulenza gratuita

    Capitale inferiore a 10.000 euro: è possibile?

    Quindi, è possibile avviare una srl solo con 1 euro, però rispettando alcune condizioni

    Tutte le srl che sono costituite con un capitale sociale compreso tra 1 e 9.999,99 euro devono accantonare una riserva. Questa riserva poi va ad aggiungersi al capitale versato all’atto di costituzione fino a raggiungere la fatidica quota di 10.000 euro.

    Quando la società raggiunge la fatidica quota, non è obbligata ad accantonare questa riserve per poi attribuita al capitale. Infatti, la società può continuare la propria attività anche con un capitale inferiore.

    Quindi – tra mille dubbi interpretativi – possiamo dire che la soglia di 10.000 euro non si riferisce propriamente al capitale sociale, ma è una cifra stabilita per i conferimenti e la riserva legale.  

    Srl con capitale superiore a 10.000 euro

    Il capitale sociale di una srl può essere anche superiore a 10.000 euro. Non viene previsto un limite massimo, come avviene per la srls, cui capitale non deve superare quota 9.999,99 euro. 

    Tuttavia, una srl, modificando l’atto costitutivo, può aumentare il proprio capitale sociale iniziale. 

    L’aumento del capitale può avvenire in due diversi modi:

    • pagamento: attraverso nuovi conferimenti da parte di soci o investimenti di terzi;
    • gratuitamente: destinando gli utili, riserve o fondi per aumentare il capitale.

    Come può aumentarlo, può anche ridurlo:

    • riduzione per legge: quando le perdite della società superano 1/3 del capitale sociale (così da evitare lo scioglimento d’ufficio);
    • riduzione volontaria: decisa dai soci quando il capitale è superiore rispetto alle esigenze dell’impresa.

    Versamento capitale sociale SRL: come fare

    La possibilità di poter costituire la srl con 1 o 10.000 euro determina alcune differenze molto importanti relativamente al versamento del capitale sociale iniziale:

    • Srl con capitale sociale pari o superiore a 10.000 euro: i soci devono versare il 25% in denaro al momento della costituzione. 

    Dunque, se costituiamo una srl con un capitale sociale iniziale pari a 15.000 euro, i soci devono versare 3.750 euro all’atto della sottoscrizione. 

    Il restante 75% può essere versato successivamente, anche sotto forma di beni o servizi. 

    Leggi anche: S.R.L. Società a Responsabilità Limitata: Definizione e caratteristiche

    • Srl con capitale sociale inferiore a 10.000 euro: i soci devono conferire il capitale in un’unica soluzione al momento della costituzione della società. Non è previsto il conferimento di beni o servizi, ma solo sotto forma di denaro.

    Dunque, se costituiamo una srl con 9.999 euro di capitale, questo deve integralmente coperto da versamenti in denaro all’atto della sottoscrizione.

    In aggiunta, l’articolo 2430 del Codice Civile stabilisce l’obbligo di destinare il 5% degli utili di bilancio alla riserva legale fino a quando questa raggiunge un quinto del capitale sottoscritto dai soci.

    Capitale minimo o superiore, la SRL resta la migliore

    La possibilità di costituire investendo solo 1 euro e la responsabilità limitata, dunque, rendono la srl molto appetibile. Appetibilità che aumenta vista la possibilità di avviare un processo di pianificazione fiscale finalizzato alla riduzione delle imposte e all’ottimizzazione della contribuzione Inps.

    Un enorme vantaggio, visto che secondo l’Ufficio studi dell’Associazione Artigiani e Piccole Imprese di Mestre, la pressione fiscale reale sui contribuenti onesti nel 2023 è stata del 47,4%. Un aumento di quasi 5 punti rispetto al dato ufficiale del 2022, attestato al 42,5%.

    Pertanto, prendere le dovute precauzioni per ridurre la pressione fiscale è un fattore determinante per tutti gli imprenditori che vogliono aumentare la produttività aziendale riducendo, al contempo, le imposte da versare.

    Perché non avvii anche tu un processo di pianificazione fiscale per ridurre le tasse della tua srl?

    Come Soluzione Tasse, grazie al nostro team di 35 professionisti, tra cui Dottori Commercialisti, Avvocati e Tributaristi, possiamo aiutarti a:

    • attuare una pianificazione fiscale strategica per ridurre il carico fiscale dal 20% al 70%;
    • tutelare il patrimonio aziendale per mettere la propria ricchezza al riparo dai possibili creditori (che possono essere Fornitori, Banche e soprattutto Fisco);
    • ottenere una crescita esponenziale, attraverso gli stessi strumenti che abbiamo usato per creare da zero e in soli 5 anni, un gruppo aziendale che fattura oltre 25 milioni e che abbiamo quotato alla borsa di Milano.

    Compila ora il questionario: 2 minuti del tuo tempo possono cambiare per sempre il tuo futuro fiscale, della tua impresa e della tua famiglia.

    Richiedi la tua prima consulenza gratuita

    Condivi l'articolo