Guida ai contributi: cosa sono, come funzionano e tipologie

di Soluzione Tasse
16 Mag, 2024
Tempo di lettura
( parole )

Conserva ora questo articolo!

Inserisci qui sotto il tuo nome e la tua email. Riceverai subito un'email, con un link per rileggere l’articolo tutte le volte che vuoi.

    I contributi sono tributi versati nei confronti di un ente da parte dei cittadini che traggono un beneficio di natura individuale da opere o servizi di rilevanza generale. Si tratta di prelievi destinati al finanziamento di un’attività specifica come la previdenza sociale, l’assistenza sanitaria e altre attività di natura previdenziale o assistenziale. Questa guida rapida si propone di chiarire il concetto di contributo, le sue tipologie e fornire al lettore le competenze per identificare e sfruttare al meglio queste risorse.

    Cos’è un contributo

    Un contributo è definito come una raccolta di risorse finanziarie effettuata da un ente dell’amministrazione pubblica. Questa raccolta coinvolge il prelievo di una quota di ricchezza da parte di contribuenti per finanziare:

    • spese pubbliche che rispondono a bisogni generali, non direttamente richiesti dai cittadini;
    • attività specifica come la previdenza sociale, l’assistenza sanitaria e altre attività di natura previdenziale o assistenziale.

    Questa tematica è ancora oggetto di dibattito: esiste infatti una corrente di pensiero che equipara i contributi a tasse e imposte, in quanto entrambi sono legati alla fornitura di servizi pubblici. Tuttavia, a differenza delle tasse, che sono dovute quando si richiede un servizio specifico, i contributi sono imposti dall’ente pubblico esclusivamente ai soggetti direttamente coinvolti nel servizio o nel beneficio fornito.

    A sua volta, i contributi, rientrano nella categoria dei tributi.

    Assistenziali e previdenziali, le due tipologie

    Le tipologie di contributi sono sostanzialmente due: i cosiddetti contributi assistenziali e quelli previdenziali. Quelli assistenziali vengono corrisposti all’Inps o all’Inail con lo scopo di ottenere una copertura sui rischi legati agli infortuni e alle malattie professionali, all’invalidità e alla malattia.

    La seconda tipologia è rappresentata da quelli previdenziali o assistenziali, denominati in questo modo perché prevedono versamenti di denaro utilizzati per finanziare prestazioni pensionistiche future. Tutti i lavoratori, dipendenti o meno, hanno diritto a percepire codesto trattamento pensionistico.

    Contributi assistenziali

    I contributi assistenziali sono finalizzati al finanziamento di specifiche prestazioni assistenziali erogate a favore di lavoratori. I principali sono quelli versati:

    • all’Inps per finanziare diverse prestazioni assistenziali (ad esempio congedo parentale, maternità, malattia, assegno e pensione di invalidità);
    • all’Inail per finanziare i lavoratori infortunati sul lavoro o che hanno contratto una malattia professionale (ad esempio, indennità di infortunio, rientro al lavoro, assistenza sanitaria).

    Infine, abbiamo i contributi per l’assistenza sanitaria integrativa finalizzati a finanziare prestazioni erogate dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN).

    Contributi previdenziali

    Come in precedenza accennato, i contributi previdenziali sono dei versamenti obbligatori eseguiti nei confronti degli enti pubblici deputati e che sono necessari al versamento pensionistico. In aggiunta a quelli lavorativi, quelli cioè versati direttamente all’ente previdenziale, esistono anche altri tipi di contributi. Vediamo quali:

    • contributi figurativi, di origine fittizia che non gravano né sulle spalle del datore di lavoro nè tanto meno su quelle del lavoratore. Questa tipologia viene utilizzata per coprire quei periodi che per causa ad egli non attribuibile rendono inattivo il lavoratore
    • contributi di riscatto, permettono al lavoratore, previa domanda, di regolarizzare lassi temporali lavorativi non coperti da contribuzione alcuna. Differentemente da quelli lavorativi, totalmente a carico dell’ente previdenziale preposto, quelli da riscatto risultano invece essere a carico esclusivo del lavoratore che richiede il servizio
    • contributi volontari, versati dal lavoratore al fine di ottenere un miglioramento finanziario del trattamento pensionistico finale. In definitiva, vengono aggiunti contributi ulteriori a quelli versati normalmente.

    Come calcolare i contributi

    Calcolare i contributi fiscali richiede di determinare l’importo dovuto in base a specifiche leggi e regolamentazioni. Ecco una breve guida su come avviene il calcolo per le principali tipologie (fiscali e previdenziali):

    1. Imposte sui redditi: sono calcolate applicando una percentuale, o aliquota, al reddito imponibile di una persona o di un’azienda. Le aliquote possono essere fisse o progressive (aumentano man mano che il reddito cresce). Formula: Imposta sul reddito=Reddito imponibile×Aliquota
    2. Contributi previdenziali: Generalmente una percentuale del salario di un lavoratore, versata sia dal datore di lavoro che dal dipendente, destinata a finanziare benefici come pensioni e assistenza sanitaria. Formula: Contributo previdenziale=Salario×Aliquota contributiva
    3. Imposte sui beni immobili: Calcolate sulla base del valore dell’immobile, che può essere determinato tramite una valutazione.
      Formula: Imposta sull’immobile=Valore dell’immobile×Aliquota

    Questi calcoli possono variare a seconda delle normative locali e nazionali, e spesso richiedono l’assistenza di professionisti fiscali per garantire l’accuratezza e la conformità con le leggi vigenti. Vuoi una consulenza fiscale per sapere quale tipo e se puoi dedurre contributi dalle tasse per una pressione fiscale più sopportabile?

    Richiedi la tua prima consulenza gratuita

    Condivi l'articolo