Da ditta individuale, snc o sas a srl senza spendere 10.000 euro

Giugno 9, 2022 | in
ditta individuale snc o sas a srl senza spendere 10 mila euro

Sbagliare è umano, correggere il tiro prima che sia troppo tardi è fondamentale per salvare l’azienda. Perché alcune scelte, fatte per tempo, possono davvero cambiarti la vita e quella della forma giuridica è una di queste. 

 

Vediamo com’è possibile passare da ditta individuale, Snc o Sas a Srl (da non confondere con la Srls semplificata) senza spendere 10.000 euro e risparmiando anche il 50% delle imposte a debito.

 

Srl a meno di 10.000, NO Srls

 

Se stai pensando che passare da ditta individuale, Snc o Sas a Srl con meno di 10.000 euro di capitale significa aprire la srls, ti stai sbagliando. Ovviamente è facile pensarlo visto che la Srls si può costituire con un capitale sociale anche di 1 euro, mentre la Srl tradizionale necessita di un capitale sociale di 10.000 euro. 

 

Ma non è così. E sai perché? 

 

– Passare da a srls non ha molto senso, perché la tassazione che andrebbe a subire sarebbe molto simile a quella della ditta individuale, Snc o della Sas. Inoltre, se consideriamo Ires, Irap, Inps e Imposta sostitutiva sugli utili distribuiti al 26%, facilmente si arriva a pagare anche il 70% di imposte sull’utile prodotto.

 

Leggi anche: Srls: 2 milioni di motivi per evitarla

 

– L’articolo 2463 c.c. riconosce alla Srl con capitale inferiore ai 10.000 euro la formazione di una riserva accattonando ogni anno 1/5 (20%) degli utili risultanti dal bilancio regolarmente approvato. L’accantonamento è imposto fino a quando la somma del capitale sociale nominale e della riserva raggiunga i 10.000 euro.

 

Approfondisci anche: Quando conviene aprire o passare ad una srl?

 

Non è altro tipo di Srl come si può pensare, non è una Srl con capitale ridotto (peraltro nata e morta prima di essere riconosciuta). È sempre una Srl che, per consentire a tutti gli imprenditori di costituirla, viene riconosciuta questa possibilità. 

 

Insomma, dal 2013 tutte le Srl possono costituirsi con un capitale inferiore a 10.000, con conferimenti solo in denaro e divieto di distribuzione utile fino al raggiungimento della fatidica somma di 10.000 euro.

 

Dunque, con meno di 10.000 euro puoi trasformare la tua ditta individuale, Sas o Snc in Srl e beneficiare di tutti i vantaggi che ne comporta il suo utilizzo. Ovvero:

protezione patrimoniale, c’è una netta distinzione tra patrimonio della società e quello tuo;

riduzione delle imposte, grazie all’utilizzo di una serie di strumenti di pianificazione fiscale (marchio, Tfm, holding, compenso amministratore) è possibile ridurre il peso del Fisco dal 20 al 50%. Riduzione che non è possibile con l’utilizzo delle altre forme societaria poiché non sono abilitate ad utilizzare questi strumenti.

 

Ti potrebbe interessare anche: Cosa conviene, una snc o srl? Vantaggi e svantaggi anche post Covid

 

Riguardo all’ultimo punto, è bene soffermarci un attimo e sottolineare che, la Srl, non è la panacea di tutte le tasse, ma può diventare solo se attuata un’adeguata pianificazione fiscale.

 

Approfondisci anche: Tassazione SRL (caso studio): quanto costa non fare pianificazione fiscale?

 

Da ditta individuale, Snc o Sas a Srl con il giusto professionista

 

Stabilire “da soli” se è il caso di tenere una ditta individuale, una Sns o una Sas non è mai una buona idea: il consiglio di un Commercialista specializzato nel risparmio fiscale è fondamentale. È lui che conosce la disciplina civilistica e fiscale, e tutti i vantaggi di una forma giuridica piuttosto che un’altra, e ti permette di recuperare all’errore commesso.

 

Tra l’altro, un Pool di Commercialisti che ha già aiutato migliaia di imprenditori a trasformare la propria forma giuridica, può rivelarsi fondamentale per avere un’attività di successo. Un’attività che cresce con un occhio vigile al risparmio fiscale e alla protezione del patrimonio.

 

Se le tasse sono numeri e i numeri si possono calcolare, per quale motivo ti devi trovare ricevere improvvisi F24 che sembrano nascere dal nulla? Sapendo che è possibile ridurre il peso delle imposte, tra l’altro.

 

La verità è che le imposte a debito dipendono dall’utile conseguito, più alto, più si paga e solo grazie alla trasformazione in Srl, a cui affiancare un’adeguata pianificazione fiscale è possibile ridurre al minimo il peso delle tasse e sapere in anticipo quanto si andrà a pagare.

 

E per farlo esistono degli strumenti specifici, alla portata di tutti: vieni a scoprire quali sono e come possono aiutarti a trasformare la tua Srl senza dover dividere l’utile con il Fisco.

 


Richiedi subito la tua prima consulenza gratuita.

Inizia subito