Decadenza cartella esattoriale: tutti i termini

di francesco Di Maso
21 Mar, 2024
Tempo di lettura
( parole )

Conserva ora questo articolo!

Inserisci qui sotto il tuo nome e la tua email. Riceverai subito un'email, con un link per rileggere l’articolo tutte le volte che vuoi.

    La decadenza della cartella esattoriale è un aspetto cruciale che protegge i contribuenti da richieste di pagamento ingiustificate. Queste cartelle devono essere notificate entro termini precisi, variabili in base al tipo di tributo, alle sanzioni amministrative o ai contributi INPS in arretrato. Se i tempi non sono rispettati, le cartelle risultano nulle. Approfondiamo il tema…

    Cosa si intende per decadenza delle cartelle esattoriali

    La decadenza delle cartelle esattoriali si verifica quando l’Agente della Riscossione non notifica l’atto al contribuente entro i termini stabiliti dalla legge. 

    I termini di decadenza stabiliscono il lasso di tempo entro il quale l’Agenzia delle Entrate e Riscossione può richiedere coattivamente il pagamento di un determinato debito. 

    Se non vengono rispettati, l’Ente perde il potere di riscossione, la cartella diventa nulla e il contribuente non è tenuto a saldare il debito. Tuttavia, non significa che la cartella decaduta vada automaticamente in prescrizione: il credito rimane, ma non è possibile riscuoterlo mediante la riscossione.

    La decadenza, infatti, si differenzia dalla prescrizione. Se un credito è prescritto, l’Agenzia delle Entrate Riscossione non può più chiedere il pagamento né tramite ruolo né tramite altre procedure. 

    Dunque, la differenza tra i due istituti è la seguente:

    • decadenza: perdita del potere di riscuotere tramite ruolo;
    • prescrizione: estinzione del diritto di credito.

    I termini di decadenza, come anticipato, variano in base al tipo di credito da riscuotere. 

    Per le imposte sul reddito

    La cartella di pagamento con oggetto la riscossione delle imposte sul reddito (Ires o Irpef) deve essere notificata entro determinati termini che, a sua volta, variano in base al caso specifico. 

    I casi più comuni sono:

    • Accertamento definitivo;
    • Liquidazione automatica;
    • Controllo formale.

    Accertamento definitivo

    La cartella esattoriale non può essere notificata dopo il 31 dicembre del secondo anno successivo a quello in cui l’accertamento è divenuto definitivo.

    Per verificare se si applica questo termnine devi controllare che la cartella faccia riferimento a un avviso di accertamento (incluso il numero dell’avviso di accertamento, appunto).

    Liquidazione automatica

    La cartella esattoriale non può essere notificata dopo il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione. 

    Per verificare se si applica questo termine devi controllare se la cartella fa riferimento all’articolo 36-bis del DPR 600/73. Nello specifico, parliamo di un controllo che consente di correggere errori materiali e di calcolo e di verificare la veridicità e la tempestività dei versamenti.

    Controllo formale

    La cartella esattoriale non può essere notificata dopo il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione.

    Per verificare se si applica questo termine devi controllare se la cartella fa riferimento all’articolo 36-ter del DPR 600/73. Nello specifico, parliamo del controllo automatizzato e riguarda tutte le dichiarazioni dei redditi presentate.

    Facciamo un esempio.

    Supponiamo che un contribuente abbia presentato la dichiarazione dei redditi nel 2023. L’Agenzia delle Entrate ha emesso un avviso di accertamento per liquidazione automatica nel 2024. 

    L’Agente della Riscossione ha notificato la cartella esattoriale al contribuente nel 2028. La cartella esattoriale è decaduta perché non è stata notificata entro il 31 dicembre 2027.

    Richiedi la tua prima consulenza gratuita

    Per le sanzioni amministrative

    Le sanzioni amministrative devono essere notificate entro due anni dalla consegna del ruolo, a pena di decadenza. La norma si applica solo alle multe elevate dalla Polizia Municipale, non da altre autorità.

    Per i crediti contributivi

    La riscossione dei contributi Inps non ha limiti. Nel processo di riscossione dei crediti contributivi tramite ruolo, l’unico termine di scadenza previsto dalla legge riguarda l’obbligo di rendere esecutivo il ruolo.

    L’esecuzione del ruolo deve avvenire entro il 31 dicembre dell’anno successivo a quello in cui sarebbe dovuto avvenire il pagamento dei contributi o premi non versati. 

    Questo termine si applica anche alla data di notifica del provvedimento di accertamento per i contributi dovuti in seguito ad accertamenti formali effettuati dall’ente previdenziale.

    Ma quando è esecutivo il ruolo?

    Il ruolo (ovvero l’elenco dei debiti da versare) viene definito esecutivo nel momento in cui viene sottoscritto dal titolare dell’ufficio o di un suo delegato.

    Cosa succede se non c’è rispetto dei termini

    La decadenza della cartella esattoriale è un istituto importante che tutela i contribuenti da riscossioni illegittime. È, quindi, fondamentale conoscere i termini di decadenza e sapere come comportarsi in caso di ricezione di una cartella esattoriale decaduta.

    Ciò che è importante, indipendentemente da tutto ciò, è che il mancato rispetto dei termini ti permette di impugnare la cartella con la possibilità di evitare il pagamento.

    Se per sottrarsi al pagamento viene riconosciuto l’istituto della decadenza, per evitare la notifica di una cartella, esiste una soluzione? (Perché come sai le cartelle vengono recapitati quando non hai effettua il pagamento delle imposte)

    Ovviamente sì, è necessario pagare le tasse nei termini prestiti. La soluzione, però, sembrerebbe una banalità, se non fosse per la pressione fiscale italiana. 

    Tuttavia, anche in questo caso il rimedio c’è e si chiama pianificazione fiscale. L’unico strumento in grado di ridurre la pressione fiscale in modo onesto e lagare, rispettando tutto il dettato normativo tributario.

    Perché non sfrutti anche tu questo strumento? 

    O vuoi ancora continuare a pagare più tasse del dovuto? (Con il rischio che il Fisco venga a bussare alla tua porta).

    Come Soluzione Tasse, grazie al nostro team di 35 professionisti, tra cui Dottori Commercialisti, Avvocati e Tributaristi, possiamo aiutarti a:

    • attuare una pianificazione fiscale strategica per ridurre il carico fiscale dal 20% al 70%;
    • tutelare il patrimonio aziendale per mettere la propria ricchezza al riparo dai possibili creditori (che possono essere Fornitori, Banche e soprattutto Fisco);
    • ottenere una crescita esponenziale, attraverso gli stessi strumenti che abbiamo usato per creare da zero e in soli 5 anni, un gruppo aziendale che fattura oltre 25 milioni e che abbiamo quotato alla borsa di Milano.

    Compila ora il questionario: 2 minuti del tuo tempo possono cambiare per sempre il tuo futuro fiscale, della tua impresa e della tua famiglia.

    Richiedi la tua prima consulenza gratuita

    Condivi l'articolo