Forma giuridica impresa: qual è la più adatta alle tue esigenze?

di Redazione Soluzione Tasse
27 Mag, 2024
Tempo di lettura
( parole )

Conserva ora questo articolo!

Inserisci qui sotto il tuo nome e la tua email. Riceverai subito un'email, con un link per rileggere l’articolo tutte le volte che vuoi.

    L’avvio di un’attività è molto importante. E qui sorge il dilemma: quale forma giuridica d’impresa devo utilizzare per risparmiare tasse e ridurre la responsabilità patrimoniale? La scelta della forma giuridica è un passaggio fondamentale per l’avvio di un’impresa, perché la riuscita del proprio business dipende anche da questo. In questo articolo andremo a vedere le caratteristiche più importanti dei principali modelli aziendali presenti in Italia

    Panoramica delle principali forme giuridiche d’impresa

    La forma giuridica di un’impresa è il modello organizzativo scelto dall’imprenditore per esercitare e gestire la propria attività economica. La scelta della forma giuridica è un elemento fondamentale prima di avviare un’impresa. 

    Sbagliare la scelta della propria struttura societaria influisce sulla:

    • buona riuscita del business;
    • tassazione;
    • responsabilità patrimoniale dei soggetti che partecipano all’attività imprenditoriale.

    Il nostro sistema tributario prevede la presenza di diverse forme giuridiche, società di persone e società di capitali. Le principali forme sono:

    • ditta individuale;
    • società a responsabilità limitata (srl);
    • società a responsabilità limitata semplificata (srls);
    • società in nome collettivo (snc);
    • società in accomandita semplice (sas).

    Ogni forma giuridica ha proprie caratteristiche, vantaggi e svantaggi.

    Forma giuridicaDescrizioneRequisitiReposanbilitàTassazione
    Ditta invidualeSemplice e spesso utilizzata dalle piccole attività. L’attività è condotta da un’unica persona (il titolare è anche il gestore).Apertura partita IVA e iscrizione al Registro delle Imprese.Il titolare è responsabile illimitatamente con il proprio patrimonio personale dei debiti dell’azienda.Il reddito prodotto dalla ditta è imputato direttamente al titolare che sconta Irpef (dal 23 al 43%) più la contribuzione Inps (circa 4.500 euro annui entro i minimali).
    SASSocietà caratterizzata da due categorie di soci: accomandanti e accomandatari.Statuto societario, atto costitutivo, nomina di uno o più accomandatari, iscrizione al Registro delle Imprese.Accomandanti: responsabilità limitata al capitale sociale versato. Accomandatari: responsabilità illimitata.Il reddito prodotto dalla SAS viene imputato ai soci in base alle loro quote e agli utili realizzati.
    SNCSocietà basata sulla collaborazione personale dei soci.Statuto societario, atto costitutivo, nomina di uno o più soci amministratori, iscrizione al Registro delle Imprese.I soci rispondono illimitatamente con il proprio patrimonio dei debiti contratti dall’azienda.Il reddito prodotto dalla SNC viene imputato ai soci in base alle loro quote e agli utili realizzati.
    SRLSocietà di capitali più utilizzata dalle le piccole e medie imprese perché offre responsabilità limitata ai soci. Statuto societario, atto costitutivo, nomina di un amministratore, capitale sociale minimo di 10.000 euro.Limitata al capitale sociale versato dal singolo socio.La società paga l’Ires al 24% (imposta sulle società) sugli utili.
    SRLSAlternativa minore alla normale SRL fu introdotta per agevolare la costituzione di nuove imprese.Statuto societario, atto costitutivo, nomina di un amministratore, capitale sociale minimo di 1 euro.Limitata al capitale sociale versato dal singolo socio.La società paga l’Ires al 24%(imposta sulle società) sugli utili.

    Scegliere la forma giuridica giusta: i fattori da considerare

    La scelta della struttura aziendale migliore per fare business in Italia dipende da diversi fattori:

    • investimenti che si intende effettuare;
    • facilità di costituzione ed eventuale chiusura;
    • tipo di gestione.

    Investimenti

    Quando gli investimenti da effettuare sono elevati, scegliere di adottare la forma della società di capitali può essere una soluzione più appropriata. Adottare la forma di società di capitali, infatti, consente di avere un accesso al credito molto più semplice, rispetto ad una ditta individuale.

    Inoltre, se gli investimenti sono elevati, si può accedere anche al capitale di terzi che non sia per forza di cosa, il canale bancario. Ad esempio, equity crowdfunding o MiniBond. Tutti mezzi di raccolta del credito che, ad una ditta individuale, non sono consentiti.

    Richiedi la tua prima consulenza gratuita

    Facilità di costituzione

    Aprire una ditta individuale è estremamente facile (si può fare in meno di 24 ore). Come sarà facile anche l’eventuale chiusura.

    Aprire una società di capitali richiede, per la propria costituzione, un atto pubblico e la stesura di uno statuto. Per quanto riguarda l’eventuale chiusura, non potrà mai essere fatta in 24 ore, in quanto viene richiesto un periodo di liquidazione, al fine di poter chiudere tutti i rapporti intrapresi dalla società durante la propria attività.

    Gestione della società

    La ditta individuale ha una tipo di gestione molto più snella. Gli adempimenti sono estremamente minori, infatti, in sede contabile, è necessario registrare solo le fatture emesse e ricevute.

    La società di capitali, invece, ha un tipo di gestione più complessa. In sede contabile, ad esempio, devono essere registrati tutti gli eventi avvenuti in azienda. Un aspetto, questo, che grazie all’utilizzo di software di ultima generazione è estremamente semplificato.

    Inoltre l’analiticità della contabilità della società di capitali consente di poter risalire a qualsiasi dato e in qualsiasi momento. In buona sostanza, permette un controllo dei numeri molto più efficace.

    FAQ forme giuridiche: le risposte alle tue domande

    Qual è la forma giuridica dell’impresa?

    La forma giuridica d’impresa è la struttura utilizzata per esercitare un’attività imprenditoriale. Esistono diversi modelli come la ditta individuale, la SNC, la SAS o la SRL e SRLS. Tutte diverse tra di loro sia per quanto riguarda la fiscalità che la responsabilità patrimoniale.

    Qual è la forma più semplice di società?

    La ditta individuale è la forma giuridica più semplice per svolgere un’attività imprenditoriale: non richiede alcun versamento di capitali e ha una gestione contabile e fiscale elementare rispetto alle altre forme giuridiche.

    Che differenza c’è tra ditta individuale e srl?

    La differenza più evidente riguarda la responsabilità patrimoniale: nella ditta individuale l’imprenditore è pienamente responsabile delle sorti dell’azienda, nella srl è la stessa società ad essumersi la responsabilità per le obbligazioni assunte.

    Fiscalità e responsabilità: scegliere in modo oculato

    Tuttavia, chiunque decide di fare impresa la prima domadna che si pone è:

    • “quale forma giuridica mi consente di pagare meno tasse?”

    Una domanda non banale, perché la scelta della forma giuridica influisce, e tanto, sulla tassazione che l’impresa dovrai poi scontare quando va a regime.

    La ditta individuale, come sas e snc, ha un regime contabile molto semplificato. Fiscalmente il titolare e i soci sono soggetti a:

    • Irpef in base al reddito dichiarato;
    • contributi Inps pari a a circa 4.500 euro su un reddito che non deve superare i 15.548 Euro (superata questa soglia, le percentuali aumentano).

    La srl o srls versano il 24% di Ires sul reddito dichiarato e il 3,5% di Irap.

    La srl rispetto alle altre strutture societarie, offre la possibilità di aumentare il risparmio fiscale a suo carico grazie all’utilizzo di strumenti di pianificazioni fiscale.

    Sai cosa significa tutto ciò?

    Significa che, la srl, con la giusta pianificazione fiscale, invece di versare il 70% dell’utile prodotto in tasse (se consideriamo Ires al 24%, ritenuta del 26%, Irap e Inps) versa solo il 30% (in alcuni casi la percentuale può ancora scendere).

    Un enorme vantaggio per i soci, che si trovano più denaro in tasca, e la società, che può investire per crescere ancora di più.

    La srl, inoltre, permette ai soci di blindare il proprio patrimonio personale.

    Sai cosa significa?

    Se la società non riesce a pagare i fornitori, è lei a rispondere con il proprio patrimonio aziendale.

    Un enorme vantaggio per la famiglia imprenditoriale.

    Un vantaggio che, se unito a quello relativo alla tassazione, fa della srl la forma societaria più performante per fare business in Italia.

    Come Soluzione Tasse, grazie al nostro team di 35 professionisti, tra cui Dottori Commercialisti, Avvocati e Tributaristi, possiamo aiutarti a:

    • attuare una pianificazione fiscale strategica per ridurre il carico fiscale dal 20% al 70%;
    • tutelare il patrimonio aziendale per mettere la propria ricchezza al riparo dai possibili creditori (che possono essere Fornitori, Banche e soprattutto Fisco);
    • ottenere una crescita esponenziale, attraverso gli stessi strumenti che abbiamo usato per creare da zero e in soli 5 anni, un gruppo aziendale che fattura oltre 25 milioni e che abbiamo quotato alla borsa di Milano.

    Compila ora il questionario: 2 minuti del tuo tempo possono cambiare per sempre il tuo futuro fiscale, della tua impresa e della tua famiglia.

    Richiedi la tua prima consulenza gratuita

    Condivi l'articolo