Gruppo Iva: funzionamento, vantaggi e costituzione

di Soluzione Tasse
8 Lug, 2024
Tempo di lettura
( parole )

Conserva ora questo articolo!

Inserisci qui sotto il tuo nome e la tua email. Riceverai subito un'email, con un link per rileggere l’articolo tutte le volte che vuoi.

    Il gruppo Iva è un regime opzionale che consente a due o più imprese strettamente legate di operare come un unico soggetto passivo. Introdotto dalla Legge di Bilancio 2017, rappresenta una delle novità più significative poiché permette alle imprese di utilizzare un solo numero di partita Iva, funzionando come un unico contribuente. Questa unificazione offre numerosi vantaggi, sia dal punto di vista organizzativo che per la compensazione di crediti e debiti.

    Cos’è il gruppo IVA e quando è conveniente?

    Il gruppo Iva rappresenta l’unificazione di un gruppo di imprese sotto un’unico numero di partita Iva. È composto da più imprese che, condividendo legami finanziari, economici e organizzativi, si uniscono in una sola entità e agiscono come un unico contribuente.

    Il regime opzionale è rivolto solo ed esclusivamente a tutti questi soggetti che sono in possesso di più attività. Questo significa che:

    • più aziende si possono costituire in un unico gruppo ed operare sotto un’unica partita Iva.

    In questo caso cosa può succedere? Che hai un unico numero di partita Iva e tutte le tue attività dovranno fatturare le operazioni di vendita di prodotti o servizi con un numero di partita Iva. Infatti:

    • le operazioni tra un membro del gruppo e un soggetto esterno sono considerate effettuate dal gruppo Iva;
    • le operazioni di soggetti esterni verso un membro del gruppo sono considerate effettuate nei confronti del gruppo Iva.

    Così facendo, nei confronti del Fisco agisce un unico soggetto, ma all’interno vi sono più aziende collegate fra loro.

    Effetti dell’adesione

    L’adesione comporta:

    • estinzione autonomia soggettiva Iva: ogni azienda facente parte dell’ente fiscale unico non agisce più in modo indipendente sull’Iva;
    • modifiche alla fatturazione: le fatture riportano il numero di partita Iva del gruppo e il codice fiscale del singolo membro; 
    • unica iscrizione al Vies: per le operazioni con soggetti UE, il gruppo si registra nel database Vies (sistema per lo scambio di informazioni sull’Iva) attraverso un identificativo unico.

    Soggetti aderenti al gruppo IVA

    Per aderire al regime opzionale è necessario che le attività siano legati da determinati vincoli:

    • finanziario: quando tra i vari soggetti interessati esiste un rapporto diretto o indiretto di controllo;
    • economico: quando nello svolgimento della stessa attività o attività complementari, delle aziende aderenti al gruppo, c’è cooperazione;
    • organizzativo: quando vi è un coordinamento degli organi decisionali delle aziende facenti parte.

    Ovviamente, appare chiaro che, se c’è un vincolo finanziario, c’è pure quello economico ed organizzativo.

    Richiedi la tua prima consulenza gratuita

    Soggetti non aderenti

    I soggetti non aderenti sono coloro che:

    • sono sottoposte a fermo o sequestri;
    • hanno una loro stabile organizzazione all’estero, pur avendo una sede in Italia;
    • sono sottoposte a procedure concorsuali (fallimento, liquidazione coatta amministrativa e amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi);
    • sono sottoposte in liquidazione ordinaria.

    Vantaggi del gruppo IVA

    I vantaggi del gruppo Iva sono:

    • possibilità di cedere prodotti o servizi all’interno delle società del gruppo senza che, queste operazioni, siano imponibili;
    • possibilità di determinazione del prezzo dei servizi erogati all’interno del gruppo seguendo le logiche di mercato, quindi non influisce minimamente nella scelta del prezzo;
    • riduzione degli adempimenti amministrativi e organizzativi formali che saranno concentrati solo su l’unico responsabile.

    I vantaggi, però, devono essere valutati caso per caso, qua abbiamo discusso di quelli generici, ma ogni azienda può trarre benefici in base alla propria attività ed alle proprie problematiche o opportunità ai fini Iva.

    Costituzione del gruppo IVA: iter procedurale e adempimenti

    La costituzione del gruppo Iva inizia con la nomina da parte delle imprese partecipanti di un rappresentante. Quest’ultimo dovrà esercitare l’opzione di aderire tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate, nella sezione “Servizi – Istanze, comunicazioni e certificati – Costituzione Gruppo IVA”. 

    Successivamente, viene compilato e inviato il Modello AGI/1

    La dichiarazione di costituzione deve contenere:

    • nome del gruppo Iva;
    • dati identificativi del rappresentante e dei membri;
    • conferma dei legami finanziari, economici e organizzativi tra le varie imprese partecipanti;
    • descrizione delle attività;
    • domicilio del rappresentante.

    La costituzione ha effetto dal:

    • 1° gennaio dell’anno seguente, se il modello è presentato entro il 30 settembre
    • 1° gennaio del secondo anno successivo, se presentato tra il 1° ottobre e il 31 dicembre

    Il gruppo costituito ha validità per 3 anni. L’opzione si rinnova automaticamente ogni anno, salvo revoca esplicita.

    Ti potrebbe interessare anche:

    FAQ gruppo IVA: le risposte alle tue domande

    Che cosa è il gruppo IVA?

    Il gruppo Iva è un istituto che permette a più imprese collegate tra loro di avere un solo numero di partita Iva e agire nei confronti del Fiasco come unico contribuente.

    Quali benefici comporta l’adesione al gruppo IVA?

    Aderire al gruppo significa beneficiare della procedura unificata di compensazione e versamento dell’imposta e della non imponibilità dei beni ceduto all’interno dell’aggregazione societaria.

    Richiedi la tua prima consulenza gratuita

    Condivi l'articolo