Registrazione marchio: l’importanza delle ricerche di anteriorità

Gennaio 21, 2022 | in
registrazione marchio ricerca antecedente

Nel procedimento di registrazione del marchio non viene data la giusta importanza alle ricerche di anteriorità. Infatti, anche se non si tratta di una procedura obbligatoria, è fortemente consigliata per 2 motivi: evitare che qualche azienda si opponga, perché utilizzate lo stesso marchio, sperperare denaro per la registrazione che poi verrà vanificata. 

 

Nel presente articolo analizzeremo l’importanza della ricerca di anteriorità nella fase di registrazione del marchio.

 

Ricerca di anteriorità per marchio registrato: perché è importante?

 

L’utilizzo del marchio per contraddistinguere i propri prodotti e allo stesso tempo utilizzarlo per beneficiare di vantaggi fiscali è una scelta da fare con molta oculatezza. Infatti, la registrazione del marchio deve essere in modo tale da evitare al minimo il rischio di richiami da parte di altre aziende. Magari perché il marchio registrato è simile ad uno già presente ed è utilizzato nel mercato di riferimento.

 

Leggi anche: Nome o Marchio registrato: la sottile differenza che ti risparmiare 15.000 euro l’anno

 

Il marchio è registrabile nel momento in cui rispetta 3 elementi fondamentali: 

 

– Novità, non deve essere confondibile e non deve esserci un marchio simile già registrato in Italia per lo stesso tipo di prodotto e/o servizio.

 

– Capacità distintiva, deve essere originale e distinguersi dalla concorrenza per evitare il rischio di contraffazione.

 

– Liceità, deve essere conforme alla legge e non deve avere segni che ingannano il pubblico.

 

Leggi anche: Marchio e royalties: sfrutta il logo della tua azienda e risparmia tasse

 

Tra i 3 elementi fondamentali, quello che desta maggiore attenzione è la novità. Per stabilire se un marchio è nuovo o meno, quindi già registrato da altre aziende, occorre effettuare quella che comunemente viene chiamata ricerche di anteriorità

 

La ricerca di anteriorità è un procedimento mediante il quale viene effettuata una verifica della preesistenza di marchio con lo stesso stile, nome o slogan pubblicitario. Se esiste, meglio cambiare, altrimenti procedere alla registrazione. 

 

Riguardo all’elemento della novità, è bene sottolineare che, viene lasciato un minimo margine di tolleranza. Attenzione però, tolleranza marginale, non assoluta. Quindi, nella registrazione del marchio, devi sempre cercare di essere maggiormente distintivo e creativo.

 

L’importanza della ricerca di anteriorità va ricercata in due principali motivi: evitare che qualche azienda si opponga, perché utilizzate lo stesso marchio, sperperare denaro per la registrazione che poi verrà vanificata. 

 

3 tipologie di ricerche di anteriorità

 

La ricerca di anteriorità si divide in 3 tipologie:

 

visura di identità – un’indagine che consente di fare una prima scrematura e verificare se c’è o meno sul mercato, un marchio simile a quello che hai intenzione di registrare per la tua azienda. Si tratta di una verifica parziale, in quanto non ti libera del tutto da eventuali contestazioni future.

 

– ricerca per similitudine, a differenza della visura per identità questa è molto più approfondita in quanto fa emergere se ci sono marchi registrati che possono essere simili (non solo dal punto di vista visivo ma anche fonetico). Oppure se solo una parte di questo è simile al marchio già registrato. L’obiettivo di questa ricerca è quello di consentirti di poter modificare il marchio che vuoi registrare e renderlo più distintivo. 

 

– ricerca di fatto, serve a stabilire se un marchio è stato registrato veramente presso l’Ufficio nazionale e, allo stesso tempo, se lo stesso è utilizzato effettivamente. Alcune volte, infatti, esistono marchi che non sono registrati ma che vengono lo stesso utilizzati. Ovviamente senza alcuna valenza sia per beneficiare dei vantaggi fiscali che  per contraddistinguere legalmente sul mercato.

 

Leggi anche: Marchio: come evitare il rischio di annullamento

 

Nota bene: la ricerca di anteriorità non deve riguardare prettamente il marchio, ma anche i segni che lo accompagnano, per evitare ogni qualsivoglia contestazione futura.

 

Ricerca di anteriorità: quali settori o mercati deve essere fatta?

 

Ora è normale chiedersi: ma dove fare la ricerca? A quali settori, mercati o prodotti estenderla? Queste sono alcune domande che ti devi porre nell’effettuare la ricerca di anteriorità quando decidi di procedere alla registrazione del marchio.

 

La ricerca può essere estesa all’ambito territoriale, quindi limitata al mercato di riferimento e estendendola a tutto il territorio nazionale. O, se vogliamo essere anche più precisi, nei mercati in cui hai intenzione di espandere il tuo prodotto. 

 

Leggi anche: Contraffazione marchio: cosa rischi se lo copi?

 

L’altro ambito è l’ambito di ricerca esteso all’area merceologica. Si tratta di una ricerca che viene effettuate per verificare se il marchio registrato è lo stesso in uso per un prodotto uguale o simile. 

Ad esempio, il marchio simile non può essere utilizzato per due prodotti che possono essere delle bevande, mentre può essere utilizzato per l’abbigliamento.

 

Dunque, la ricerca di anteriorità rappresenta un elemento fondamentale prima di procedere alla registrazione del marchio. Con la ricerca di anteriorità viene ridotto il rischio di ricevere una opposizione da parte del titolare identico o simile e perdere tutti i benefici fiscali che hai ottenuto precedentemente.

 

Se vuoi registrare un marchio e beneficiare dei vantaggi fiscali, senza incorrere in alcun rischio di varia natura, richiedi adesso la tua consulenza gratuita.

 


Richiedi subito la tua prima consulenza gratuita.

Inizia subito