Trasparenza Fiscale per SRL: conviene?

di Soluzione Tasse
23 Mag, 2024
Tempo di lettura
( parole )

Conserva ora questo articolo!

Inserisci qui sotto il tuo nome e la tua email. Riceverai subito un'email, con un link per rileggere l’articolo tutte le volte che vuoi.

    La trasparenza fiscale è un regime di tassazione che si applica alle società di persone (sas o snc). Si tratta di un regime fiscale in cui il reddito prodotto dalla società viene imputato direttamente ai soci in proporzione alle quote di partecipazione, indipendentemente se questo viene percepito o meno. Opzionalmente, questo metodo di tassazione degli utili della società, può essere applicato anche dalle srl (che di solito sono soggette al regime ordinario). 

    Vediamo nel dettaglio cos’è, come funziona il regime fiscale trasparente e realmente conviene alle srl applicarlo.

    Cos’è la trasparenza fiscale per SRL?

    La tassazione per trasparenza è un regime fiscale caratterizzato dall’impostazione dei redditi prodotti direttamente ai soci. Quest’ultimi, infatti, in base alla propria quota di partecipazione scontano Irpef progressiva per scaglioni.

    Nello specifico, il reddito prodotto dalla società non viene tassato in capo all’impresa, ma  viene trasferito direttamente ai soci. Sono loro che, ricevuti gli utili, li dichiarano attraverso la propria dichiarazione dei redditi e provvedono al versamento delle imposte sui redditi.

    Il regime di trasparenza è tipico delle società di persone, sas o snc (approfondisci qui: quale scegliere tra snc e srl?), poiché non vi è una netta distinzione tra soci e azienda. Distinzione che, invece, troviamo nella società di capitali e, in particolare, nella srl.

    Distinzione che, nella srl, notiamo non soltanto dal punto di vista patrimoniale, ma anche fiscale. La srl, infatti, a differenza delle società di persone è soggetta al regime di tassazione ordinario: la società produce i redditi, lei stessa sconta Ires e Irap.

    Tuttavia, anche la srl può beneficiare del regime di trasparenza fiscale. Infatti, in maniera del tutto opzionale, in alcuni casi, i soci decidono di essere tassati come società di persone. Quindi, gli utili della srl vengono imputati ai soci in base alla propria quota di partecipazione.

    L’opzione per trasparenza fiscale, al netto della volontà dei soci, non è possibile applicata a tutte le srl: ci sono dei requisiti da rispettare.

    Richiedi la tua prima consulenza gratuita

    Requisiti per attivare l’opzione

    Innanzitutto, distinguiamo due categorie di trasparenza:

    • grande trasparenza
    • piccola trasparenza

    Stando alle disposizioni contenute all’interno dell’articolo 116 del TUIR, che disciplina l’opzione per la piccola trasparenza fiscale, ovvero a ristretta base societaria, vale a dire quel regime che viene applicato alle società di capitali cui soci devono, per forza di cose, essere delle persone fisiche.

    I requisiti per poter accedere a tale regime sono:

    • soci esclusivamente persone fisiche;
    • numero dei soci non superiore a 10 (20 per le società cooperative);
    • ammontare dei ricavi non inferiore al limite previsto per l’applicazione degli Indicatori di Sostenibilità Economica (ISA). 

    Per quanto riguarda la grande trasparenza, regolata dall’articolo 115 del TUIR, è possibile applicarla a quelle società in cui i soci sono altre società, dove la percentuale di partecipazione agli utili non deve risultare essere inferiore al 10% e nemmeno superiore al 50%.

    Inoltre, i soci, o meglio ognuno di essi deve avere una percentuale tale che, gli permetta di poter esprimere il proprio voto in assemblea.

    Vantaggi e svantaggi della regime fiscale

    L’adesione al regime evita la doppia imposizione, quindi Ires al 24% e ritenuta del 26%.

    Risulta essere vantaggioso, inoltre, quando l’utile fiscale e quello da distribuire siano praticamente identici, quindi eliminazione della doppia imposizione.

    Lo svantaggio è che i soci sono responsabili illimitatamente del pagamento delle imposte a loro attribuiti. Come l’utile, anche le perdite verranno imputati ai soci.

    Come attivare il regime opzionale?

    L’adesione a tale regime deve essere concretizzata entro la scadenza dell’invio del Modello Redditi. Questa resterà valida per l’anno in corso e per altri due anni.

    Sarà compito dei soci, attraverso una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno, comunicare l’adesione al regime. Con il consenso di tutti, si provvederà poi ad inviare, a nome della società, tramite un modello apposito messo a disposizione dell’Agenzia delle Entrate, l’adesione al regime per trasparenza.

    Come scegliere il regime fiscale giusto per la tua SRL

    Il regime di trasparenza fiscale, come detto, elimina la doppia imposizione fiscale – Ires e imposta sostitutiva del 26% sugli utili distribuiti – ma non è sempre conveniente. L’Irpef, sui grandi redditi, supera l’aliquota del 43%: sai cosa significa? Versare in tasse quasi metà dell’utile ricevuto, senza considerare l’Inps.

    Se vuoi evitare la doppia imposizione fiscale – del 24% e 26% – devi solo avviare un processo di pianificazione fiscale, che grazie all’utilizzo di strumenti legali, ti permette di abbattere la tassazione della tua srl. Indipendentemente dal reddito prodotto dalla tua società.

    Perché non prodotti di questo fantastico strumento di crescita aziendale?

    Come Soluzione Tasse, grazie al nostro team di 35 professionisti, tra cui Dottori Commercialisti, Avvocati e Tributaristi, possiamo aiutarti a:

    • attuare una pianificazione fiscale strategica per ridurre il carico fiscale dal 20% al 70%;
    • tutelare il patrimonio aziendale per mettere la propria ricchezza al riparo dai possibili creditori (che possono essere Fornitori, Banche e soprattutto Fisco);
    • ottenere una crescita esponenziale, attraverso gli stessi strumenti che abbiamo usato per creare da zero e in soli 5 anni, un gruppo aziendale che fattura oltre 25 milioni e che abbiamo quotato alla borsa di Milano.

    Compila ora il questionario: 2 minuti del tuo tempo possono cambiare per sempre il tuo futuro fiscale, della tua impresa e della tua famiglia.

    Richiedi la tua prima consulenza gratuita

    Condivi l'articolo