Triangolazione IVA intra ed extra UE: cosa sapere

di Redazione Soluzione Tasse
5 Giu, 2024
Tempo di lettura
( parole )

Conserva ora questo articolo!

Inserisci qui sotto il tuo nome e la tua email. Riceverai subito un'email, con un link per rileggere l’articolo tutte le volte che vuoi.

    Le triangolazioni Iva vengono utilizzate per semplificare le procedure Iva nelle transazioni transfrontaliere. Sono operazioni di cessione di beni in cui partecipano tre diversi operatori Iva in un unico trasferimento fisico. Le triangolazioni possono essere comunitarie o extracomunitarie. In questo articolo analizzeremo nel dettaglio cos’è e come funzionano le diverse triangolazioni attraverso alcuni esempi pratici.

    Cos’è la triangolazione IVA: cos’è?

    La triangolazione Iva è un’operazione di cessione di bene dove, tre soggetti distinti situati in tre paesi diversi (ma non è necessario), partecipano a un unico trasferimento di bene.

    I tre operatori dell’operazione, per dar vita alla triangolazione Iva, devono essere necessariamente:

    • soggetti passivi Iva (che effettuano cessioni di beni e prestazioni di servizi) soggette a Iva);
    • iscritti nell’elenco Vies (utilizzato per verificare se la partita Iva dell’operatore in questione sia valida per effettuare operazioni di vendita e acquisti intracomunitari). 

    I soggetti coinvolti nella triangolazione li possiamo così distinguere:

    • A: fornitore (o primo cedente);
    • B: promotore della triangolazione (o secondo cedente);
    • C: cliente finale.

    Lo schema di funzionamento è il seguente:

    • B acquista da A un bene;
    • B incarica A spedire il bene al cliente C.

    Quindi cosa succede?

    Tre soggetti partecipano all’operazione ma il trasferimento fisico del prodotto avviene una sola volta: da B a C. Di conseguenza, si ha una riduzione degli adempimenti amministrativi. Infatti, la triangolazione è finalizzata a principalmente a non assoggettare ad imposta l’operazione tra A e B.

    Abbiamo due tipologie di triangolazioni Iva:

    • comunitarie, almeno un operatore non deve risiedere in Italia ma in uno uno Stato dell’Unione Europea (UE);
    • extracomunitarie, almeno un operatore non deve risiedere in Italia ma in uno Stato extra-UE. 

    Inadempiente dal tipo di triangolazione, il vantaggio è sempre quello di diminuire gli adempimenti burocratici per effettuare queste particolari operazioni con l’estero.

    Triangolazione IVA nella UE

    Le triangolazioni IVA nell’UE si verificano quando tutti e tre gli operatori sono stabiliti nello stesso Stato membro dell’Unione Europea. Queste operazioni consentono di ottimizzare i flussi commerciali e fiscali tra le aziende coinvolte.

    Facciamo un esempio.

    Abbiamo tre imprese:

    • A fornitore: sede in Italia;
    • B promotore: sede in Francia;
    • C cliente finale: sede in Spagna.

    Supponiamo che:

    • B riceve un ordine per l’acquisto di prodotti di abbigliamento da parte di C;
    • i prodotti di abbigliamento sono prodotti da A.

    Cosa succede?

    I prodotti vengono spediti direttamente da A, impresa italiana, a C, impresa spagnola.

    Quindi, trae operatori, un solo trasferimento di beni.

    Il vantaggio della triangolazione è quello di consentire a B, impresa francese, di poter vendere il prodotto senza doversi registrare ai fini Iva in Spagna. Cosa che, normalmente, avrebbe dovuto fare se non ci fosse stata questa triangolazione.

    Richiedi la tua prima consulenza gratuita

    Triangolazione IVA extra UE

    Le triangolazioni Iva extra UE si caratterizzano per la presenza di almeno un operatore residente in uno Stato extra-UE. 

    Esempio:

    • A fornitore: azienda italiana;
    • B promotore: azienda italiana;
    • C cliente finale: azienda svizzera.

    Supponiamo che:

    • B riceve un ordine per l’acquisto di prodotti di consumo da parte di C;
    • i prodotti di consumo sono prodotti da A.

    Cosa succede?

    I prodotti vengono spediti direttamente da A, impresa italiana, a C, impresa svizzera.

    Quindi, tre operatori, un solo trasferimento di beni.

    Esempi di triangolazione IVA

    Per rendere tutto più chiaro, facciamo due esempi di triangolazioni Iva:

    • comunitaria;
    • extracomunitaria.

    Triangolazione IVA UE

    Abbiamo i tre soggetti:

    • A: fornitore spagnolo;
    • B: promotore italiano;
    • C: cliente finale olandese.

    In questo caso, cosa succede?

    Questi sono gli step:

    • il fornitore spagnolo vende al promotore italiano;
    • il promotore italiano rivende al cliente olandese.

    Quindi il prodotto si sposta dalla Spagna all’Olanda.

    Come si svolge l’operazione?

    L’operazione è la seguente:

    • il fornitore spagnolo emette una fattura non imponibile al promotore italiano specificando che il prodotto è destinato al mercato olandese. Compila il modello Intrastat specificando che la merce è destinata al cliente olandese
    • il promotore italiano riceve la fattura dal fornitore spagnolo e la integra senza Iva. Compila Intrastat acquisti stabilendo che si tratti di un’operazione triangolare;
    • il promotore italiano emette fattura non imponibile al cliente olandese. Compila Intrastat vendite indicando come Paese e Iva quello olandese;
    • il cliente olandese riceve la fattura e la integra con Iva olandese. Compila il modello Intrastat spagnolo.

    Triangolazione IVA extra UE

    Abbiamo i tre soggetti:

    • A: fornitore italiano;
    • B: promotore italiano;
    • C: cliente svizzero.

    In questo caso, cosa succede?

    Questi sono gli step:

    • il fornitore italiano vende al promotore italiano;
    • il promotore italiano rivende al cliente svizzero.

    Quindi il prodotto si sposta dall’Italia alla Svizzera.

    Come si svolge l’operazione?

    L’operazione è la seguente:

    • il fornitore italiani emette una fattura non imponibile Iva al promoto italiano, indicando nella stessa che la merce sarà destinata al mercato svizzero;
    • il promotore emetterà una fattura di vendita nei confronti del cliente finale svizero ed effettuerà la cessione.

    Operazione complessa ma vantaggiosa

    Le triangolazioni Iva possono offrire notevoli vantaggi alle aziende che operano nel mercato internazionale. 

    Tuttavia, la gestione di questa imposta è assolutamente complessa, soprattutto quando abbiamo di fronte operazioni triangolari. Occorre conoscere le regole che disciplinano l’Iva per gestire correttamente queste operazioni, ottimizzare il flusso delle transazioni commerciali ed evitare sanzioni, occorre conoscere le regole che disciplinano l’Iva.

    Per questo motivo, affidarsi a un esperto è fondamentale per gestire l’Iva e tutto l’apparato fiscale della tua azienda.

    Non rischiare di compiere azioni che potrebbero costare caro alla tua azienda!

    Come Soluzione Tasse, grazie al nostro team di 35 professionisti, tra cui Dottori Commercialisti, Avvocati e Tributaristi, possiamo aiutarti a:

    • attuare una pianificazione fiscale strategica per ridurre il carico fiscale dal 20% al 70%;
    • tutelare il patrimonio aziendale per mettere la propria ricchezza al riparo dai possibili creditori (che possono essere Fornitori, Banche e soprattutto Fisco);
    • ottenere una crescita esponenziale, attraverso gli stessi strumenti che abbiamo usato per creare da zero e in soli 5 anni, un gruppo aziendale che fattura oltre 25 milioni e che abbiamo quotato alla borsa di Milano.

    Compila ora il questionario: 2 minuti del tuo tempo possono cambiare per sempre il tuo futuro fiscale, della tua impresa e della tua famiglia.

    Richiedi la tua prima consulenza gratuita

    Condivi l'articolo